Incontri del 17 maggio fra i candidati sindaci.

Ieri doppio incontro dei candidati sindaci su rilevanti temi per la vita della cittadinanza.

Di mattina un confronto organizzato dal TGR, con interventi sulla mobilità, la situazione di Bucaletto e il ponte attrezzato. Il dott. Ferraro ha ribadito le problematiche riferite alla creazione di terminal per i trasporti  extraurbani in mancanza di un rinforzo consistente del parco autobus urbani. Critiche poi alla ghettizzazione di fatto di Bucaletto e a quello che sarebbe meglio rinominare “cavalcavia attrezzato”.

In serata si è tenuto un’altra occasione, promossa dall’Azione Cattolica, sulle nuove povertà ed altri temi di rilevanza sociale.

Il nostro candidato Sindaco ha sottolineato anche in questa occasione l’importanza, al fine di contribuire all’aumento dei posti di lavoro, di una operazione del Comune di sburocratizzazione e incentivazione all’apertura di cantieri per l’efficientamento termico e la valutazione della vulnerabilità sismica.

Posto davanti all’ipotesi di una pista ciclabile che colleghi il Vallone S. Lucia al centro, il dott. Ferraro, per evidenziare la “particolarità” di tale idea, non ha risparmiato una battuta sulla necessità a quel punto di installare dei defibrillatori lungo il percorso.

Ad una domanda circa le rivalità fra i cinque candidati sindaci, il dott. Ferraro ha come suo costume stemperato i toni, precisando che la pur fisiologica rivalità elettorale non gli fa mettere in dubbio che tutti i candidati sindaci siano brave persone che tengano alla città. E poi, da medico, non potrebbe mai vedere gli altri come dei nemici.